Facebook noscript Pixel

Bracconaggio, la PPA lotta duramente per salvare i rinoceronti.

In breve

Bracconaggio, la PPA lotta duramente per salvare i rinoceronti. In Africa, è lotta continua e il lavoro della PPA è vitale.

Contenuti

Cerca

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Gian Luca Partengo

Gian Luca Partengo

Sono un Artista e Fotografo digitale torinese, specializzato nella Fotografia Digitale Black & White e Creativa Wild nel Progetto Animals In Black.

Questa triste realtà indica un indole aggressiva anche verso i propri simili e si verifica quotidianamente in ogni dove e verso ogni specie ma tocca punti drammatici quando si parla di bracconaggio selvaggio nel nome del quale vengono commessi atti indiscriminati e orrendi.

La cosa più aberrante è il statu mentale e caratteriale che accompagna le azioni. Totale ignoranza e povertà da un lato (come accade ad esempio nei grandi traffici di droga dove vengono reclutati disadattati, poveri, bisognosi e ignoranti) e arroganza e lussuria dall’altro.
Eccezion fatta per i narcisisti miliardari dal grilletto facile, chi fa il lavoro sporco è quasi sempre chi veste stracci.

Il bracconaggio in Africa

In Africa, è lotta continua!

Soprattutto per quanto riguarda i rinoceronti. Oggi ci sono meno di 30.000 rinoceronti che vivono in natura. All’inizio del 20° secolo, ve n’erano oltre 500.000. L’attività umana ha causato questo drammatico declino. Le principali minacce per il rinoceronte sono il bracconaggio e la perdita dell’ habitat.

Il bracconaggio e il traffico illegale di corno di rinoceronte sono aumentati drasticamente dal 2007 e rimane uno dei motivi principali per cui i rinoceronti sono ancora in pericolo oggi. Il bracconaggio è un grande affare e le bande criminali ben organizzate sono ora ben attrezzate per rintracciare e uccidere i rinoceronti. Un corno di rinoceronte può valere oltre 200.000 sterline. Inoltre, l’instabilità politica ed economica all’interno di un Paese può anche aumentarne la minaccia.

Il commercio del corno di rinoceronte è stato vietato dal Convention on International Trade in Endangered Species (CITES) sin dal 1977, ma la domanda per il mercato nero, soprattutto cinese e vietnamita è elevata. Vengono utilizzati nella medicina tradizionale asiatica, sebbene non vi siano prove scientifiche che questo abbia realmente benefici medici. Più agghiacciante ancora, la pratica usata tra le classi medio-alte del Vietnam, per cui l’acquisto di un corno di rinoceronte indica ricchezza e successo.

L'anti-bracconaggio in Africa

Per fortuna, per ogni Mr. Glass c’è sempre un Unbreakable Man è così a contrastare questo scempio ci pensa la PPA – Poaching Prevention Academy, un progetto A.I.E.A. (Italian Registered NPO) che coinvolge molte persone eccezionali provenienti da ogni angolo del globo. PPA ha addestrato centinaia di Anti-bracconieri in molte regioni africane come il Sud Africa, la Namibia, il Botswana, il Kenya, lo Zambia, la Tanzania e, per riserve private, riserve nazionali e parchi nazionali addirittura gratuitamente

Il lavoro fatto da questi Uomini è innegabilmente coraggioso e rischioso ma quanto mai utile e fondamentale tanto che, dati alla mano, sono riusciti ad ottenere incredibili risultati.

Nel 2018 in Sudafrica sono stati uccisi dai bracconieri SOLO 769 rinoceronti!! L’inversione di tendenza è stata radicale passando da 4 a 3 cifre, tornando ai numeri del 2012! Impressionante il numero di arresti, ben 401 nel 2018 e 518 nel 2017!!!

Bracconaggio, la PPA lotta duramente per salvare i rinoceronti.
Bracconaggio, la PPA lotta duramente per salvare i rinoceronti.

Conclusioni

La guerra, tuttavia non è terminata e questo, significa che dobbiamo continuare a combattere su ogni fronte con ogni mezzo. La comunicazione e la sensibilizzazione culturale della gente è sicuramente l’arma migliore a nostra disposizione, così come lo sono (ahimè) le armi che proteggono gli uomini in prima linea e le donazione, senza le quali non ci sarebbe possibilità di addestrare uomini, creare zone protette ed avere mezzi e istruzione necessari a salvare gli animali.

AIB, contribuisce come sempre a questo progetto, raccogliendo fondi da donare al WWF e, nel caso specifico anche ad organizzazioni come Helping Rhinos e Save The Rhino. Pertanto, rinnovo anche a voi l’invito a “spendere” anche solo 1 € al fine di non permettere l’estinzione di specie animali per le quali, DOPO, potremmo versare solo lacrime.

Un ringraziamento infinito va a Davide Bomben e Massimo Vallarin e Luca Vercesi per il lavoro svolto e per quello che faranno.

Forza ragazzi … tutti insieme possiamo vincere!

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Entra in contatto

Get In Touch

Vuoi parlare di fotografia di natura ed animali, ospitare AIB, organizzare un evento o acquistare una foto?