Grandi Felini, conosciamoli meglio

In breve

Grandi Felini, conosciamoli meglio. Grandi Felini, così vengono chiamate quelle creature che somigliano molto a gattoni fluffosi.

Contenuti

Cerca

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Gian Luca Partengo

Gian Luca Partengo

Sono un Artista e Fotografo digitale torinese, specializzato nella Fotografia Digitale Black & White e Creativa Wild nel Progetto Animals In Black.

Grandi Felini, così vengono chiamate quelle creature che non fanno propriamente “miao” ma che somigliano molto a gattoni fluffosi e giocherelloni. Persino mio padre, di fronte al ritratto della tigre bianca, si è perso in essa per poi sentenziare, dopo un minuto di silenzio -“Vorrei abbracciarmela tutta!!

Come no, papà … 🤣

Più scientificamente, quando si parla di Grandi Felini, ci si riferisce, generalmente, a quelli del genere Panthera come i “felinoniTigri, Leoni, Giaguari ma anche “micetti” come, Puma, Leopardi, Leopardi delle nevi, Ghepardi, Linci eurasiatiche e Leopardi nebulosi.

Le differenze tra i felini

Aspetto

Si presenta abbastanza simile con testa grande sorretta da muscoli possenti, piccole orecchie e occhi grandi capaci anche di “bucare” la notte. Il corpo è un fascio di muscoli composti da fibre incredibilmente potenti ed elastiche che conferiscono a queste creature non solo enorme potenza ma anche eleganza e caratteristica agilità. Solo Ghepardo e Lince si discostano da questa morfologia: il primo ha sviluppato un corpo snello e asciutto e la testa piccola. La seconda, invece ha orecchie più grandi ricoperte da ciuffi prominenti e un coda corta.

Coda

Molto lunga è usata come mezzo di comunicazione ma soprattutto come timone per equilibrare corsa, salti e arrampicate degne di Spider-Man. Anche qui, l’eccezione è il Ghepardo che grazie ad essa, lunghissima e possente, compie accelerazioni da Formula 1.

Zampe

Tozze e possenti, hanno artigli che permettono scalate improbabili e “ancoraggi” mortali durante la caccia. Sono retrattili in tutti i felini ad eccezione del Ghepardo che, per adattamento, le ha trasformate in semi-retrattili.

Peso

Parafrasando una massima “marvelliana” potremmo dire “Da gradi dimensioni, derivano grandi pesi” 😁  e così abbiamo in cima alla classifica dei pesi massimi:

  • Tigre 300 Kg
  • Leone 250 Kg
  • Giaguaro 150 Kg
  • Puma 120 Kg
  • Leopardo 90 Kg
  • Leopardo delle nevi 75 Kg
  • Ghepardo 60 Kg
  • Lince eurasiatica 40 Kg
  • Leopardo nebuloso 30 Kg

Comportamento sociale

Tutti i felini vivono la sindrome di “Rogue il Solitario” 😁  ad eccezione dei Leoni che fanno del branco il loro punto di forza maggiore sia in termini di equilibrio sociale che per quanto riguarda la caccia.

Il branco più numeroso è stato censito al centro del grande Serengeti. Di solito, un branco è formato da due Leoni maschi adulti (di cui uno è il boss indiscusso) più femmine e tanti cuccioli pelosi. I maschi, arrivati poi all’età adulta, vengono cacciati per motivi di protezione della specie. Le femmine, al contrario, vi possono vivere tutta la vita.

Anche i Ghepardi, occasionalmente vivono in piccoli branchi quasi sempre composti da fratelli e sorelle ma è cosa rara.

Tecniche di caccia

Ci sarebbe da imparare e, sono certo, qualcuno lo ha fatto. Anche qui è possibile diversificare la questione in due tecniche distinte: la caccia di gruppo e quella solitaria.

I Leoni, maestri di cooperazione, grazie a questo, riescono e possono abbattere prede molto più grandi di loro, arrivando, in rari casi anche a colossi come gli Elefanti.

Per tutti gli altri, invece, valgono le pratiche Ninja 😎 più segrete: silenziosità, furtività, appostamenti e agguati che variano da specie a specie.

Il Leopardo è cintura nera di “Salto dall’albero“, il Ghepardo nei cento metri a “cannone“, il Giaguaro nella mimetizzazione fra le fresche frasche delle fronde di fiume.

Tutti però, utilizzano colpi segreti come balzi carpiati e prese mortali dirette alla gola della vittima e, in alcuni rari casi, al muso della stessa causandone lento soffocamento.

Conclusioni

Come dire … bellezze fatali ma creature straordinariamente meravigliose e uniche. Vogliamo davvero cancellarle dall’orizzonte?!

Il tempo stringeIo non credo!!

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Entra in contatto

Get In Touch

Vuoi parlare di fotografia di natura ed animali, ospitare AIB, organizzare un evento o acquistare una foto?

Fotografie Wild Animals in Black di specie animali in via di estinzione #savetheanimals | AIB

Vuoi scrivere su AiB, approfondire,
donare alle associazioni o acquistare un ritratto?